Formazione della prova in dibattimento secondo il codice di procedura penale

La formazione della prova in dibattimento (che, secondo il nuovo codice di procedura penale, è rimessa al potere di indicazione e di richiesta delle parti) è soggetta a precise e rigorose regole per assicurare, nella tutela del contraddittorio e dei diritti della difesa, a ciascuna parte, e in modo particolare all’imputato, la possibilità di conoscere, prima del dibattimento, le prove che l’altra parte vorrà fare acquisire, onde preparare la propria linea di difesa ed eventualmente chiedere prova contraria. Ne consegue che, in conformità della previsione di cui all’art. 468, comma primo, c.p.p., è inammissibile la richiesta dibattimentale del pubblico ministero di introdurre nel processo un testimone non indicato nella lista. Cass. II, sent. 12607 del 13-12-91 (ud. 23-10-91) rv. 188811.

Gli Avvocati Penalisti consigliano anche:

    Formazione della prova In tema di formazione della prova, la violazione dell’obbligo del teste di non assistere all’esame delle parti e degli altri testi non è sanzionata da alcuna nullità o inutilizzabilità, sì che incombe al giudice, in sede di successiva valutazione della Continua a leggere →...
    procedura penale: udienza preliminare e dibattimento La norma di cui all’art. 28, comma secondo, codice di procedura penale, tra l’altro, regola preventivamente il contrasto tra il giudice dell’udienza preliminare e quello del dibattimento, attribuendo, ope legis, prevalenza alla decisione di quest’ultimo. La stessa regola deve essere Continua a leggere →...
    Obbligo di disporre la rinnovazione del dibattimento Il giudice di appello ha l’obbligo di disporre la rinnovazione del dibattimento quando la richiesta di parte sia riconducibile alla violazione del diritto alla prova, che non sia stato esercitato o per forza maggiore o per la sopravvenienza della prova Continua a leggere →...
    Elementi di prova acquisiti dalla difesa in favore della persona indagata è legittima l’utilizzazione, da parte del tribunale del riesame, di elementi di prova acquisiti dalla difesa in favore della persona indagata, in quanto l’art. 38 delle disposizioni di attuazione, al comma 2bis, espressamente contempla la possibilità che detti elementi siano Continua a leggere →...
    Istituto della messa alla prova Il ricorso all’istituto della messa alla prova di cui all’art. 28 del d.P.R. n. 448 del 1988, comporta che lo stesso risulti adeguato ai fini della rieducazione e del positivo reinserimento nella società del minore. Tale valutazione è fondata sul Continua a leggere →...
    Investigazioni per ricorrere ed individuare elementi di prova L’art. 38 delle disposizioni di attuazione del codice di procedura penale, che consente alla difesa di svolgere investigazioni per ricorrere ed individuare elementi di prova a favore dell’indagato, trova esclusiva applicazione nella fase delle indagini preliminari, come si evince dalla Continua a leggere →...
    Beneficio della messa alla prova La concessione del beneficio della messa alla prova di cui all’art. 28 d.p.r. 22 settembre 1988, n. 448, caratterizzato dalla funzione di recupero sociale e di rieducazione, è consentita nei casi in cui sia formulabile un giudizio prognostico positivo sulla Continua a leggere →...
    Formazione delle copie degli atti da notificare In tema di formazione delle copie degli atti da notificare, la violazione delle disposizioni dettate dall’articolo 54 disp. att. cod. proc. pen. non è sanzionata a pena di nullità, in virtù del principio di tassatività delle nullità di cui all’articolo Continua a leggere →...